Per contattare la redazione di Italiaskiroll scrivi a: italiaskiroll@rocketmail.com

Skiroll: Emanuele Becchis Campione del Mondo sprint in Val di Fiemme

Newspower

Emanuele Becchis - Alessio Berlanda Emanuele Becchis - Alessio Berlanda

Seconda giornata dei Campionati del Mondo di Skiroll oggi in Val di Fiemme (TN). Emanuele Becchis vince la Sprint maschile davanti ad Alessio Berlanda. Nella prova Junior e fra le donne trionfi russi con Bezgin, Gavrilova e Letucheva.

Domani alle 14.00 Team Sprint a Ziano di Fiemme.

Si è svolta oggi in Trentino la seconda giornata di gare dei Campionati del Mondo di Skiroll- FIS Rollerski World Championships della Val di Fiemme e la prova Sprint in tecnica libera di 200 metri ha regalato grande spettacolo a Ziano di Fiemme. Il cuneese Emanuele Becchis ha trionfato nella gara maschile battendo nella finale tutta italiana il trentino Alessio Berlanda, campione del mondo uscente nella specialità. Il podio è stato completato dal russo Dimitriy Voronin che nella finalina per il terzo posto ha avuto la meglio sul vicentino Emanuele Sbabo, quarto. Gli azzurri questa sera hanno festeggiato anche grazie alla trevigiana Elisa Bolzan che nella gara Junior è giunta al secondo posto alle spalle della russa Olga Letucheva. Russi sul primo gradino del podio anche nelle altre due gare in programma: nella Junior maschile si è imposto Ilia Bezgin, mentre fra le Senior donne ha trionfato Ulyana Gavrilova.

La giornata si è aperta con il round di qualifiche alle 17.00, quando sul rettilineo di Via Nazionale gli atleti sono partiti uno dietro l’altro per entrare nei magnifici sedici che poi alle 20.00 si sono giocati i titoli iridati nelle batterie con ottavi, quarti, semifinali e finali sotto i riflettori di Ziano. Emanuele Becchis con il miglior tempo di qualifica si è presentato agli ottavi come l’uomo da battere ed è giunto agevolmente in finale regolando lo slovacco Mlynar, il norvegese Olafsen ed il russo Dmitriy Voronin, che puntava forte al titolo. Nella parte bassa del tabellone, invece, sono stati gli azzurri protagonisti e Alessio Berlanda ha fatto vivere qualche attimo di suspance al pubblico di Ziano. Dopo la falsa partenza negli ottavi di finale, anche ai quarti la gara si è fermata per un altro start anticipato, che sarebbe costato al trentino la possibilità di giocarsi la semifinale. Fortunatamente il colpevole era l’avversario russo Vitaliy Smirnov, e così Berlanda è riuscito ad aggiudicarsi all’ultimo metro il quarto di finale, centrando quindi la semifinale dove ha affrontato il rivale di sempre, il vicentino Emanuele Sbabo. Dopo essere stati appaiati sino agli ultimi metri, Berlanda ha avuto lo spunto vincente che gli è valso la finale tutta tinta di azzurro, contro il piemontese Emanuele Becchis.

Quest’anno in tutti gli scontri diretti non c’è stata storia e anche stasera Becchis ha avuto la meglio su Berlanda, conquistando il suo primo titolo iridato, festeggiato degnamente con famiglia e fidanzata nel parterre. Per Becchis la vittoria di stasera assume anche un significato importante in ottica Coppa del Mondo. Le gare fiemmesi, infatti, sono anche le ultime tappe del circuito FIS e stasera Becchis ha conquistato punti pesanti che gli hanno permesso di scavalcare in classifica il leader provvisorio Robin Norum, solo 19esimo oggi a Ziano. Mentre Becchis celebrava il successo, un pizzico di amarezza per Emanuele Sbabo che nella finale per il bronzo si è dovuto arrendere al russo Dmitriy Voronin.

L’altro lampo di azzurro che ha illuminato la serata fiemmese è arrivato dalla trevigiana Lisa Bolzan, che nella prova Junior femminile ha conquistato l’argento alle spalle di un’imprendibile Olga Letucheva e davanti all’altra russa Mariya Vladimirova che nella finalina ha regolato la norvegese Amalie Honerud Olsen.

Nella notte di Ziano l’inno russo è risuonato altre due volte grazie al successo nella prova Senior femminile di Ulyana Gavrilova che si è messa alle spalle la svedese Linn Soemskar e la tedesca Kira Claudi, mentre fra gli Junior Ilia Bezgin ha regolato due norvegesi: Sigurd Braathen Reigstad, argento, e Simen Nordhagen, bronzo.

Le gare dei Campionati del Mondo di Skiroll andranno in onda nel pomeriggio di mercoledì 30 settembre su Rai Sport 1, ma le immagini saranno trasmesse anche dai broadcaster internazionali Eurosport, NRK (Norvegia) e SVT (Svezia).

I Campionati del Mondo di Skiroll della Val di Fiemme tornano domani alle 14.00 con la Team Sprint, di scena sul circuito di 2,4 km nel centro di Ziano di Fiemme con gli uomini impegnati in 10 giri di percorso e donne e Junior in 6 giri complessivi. Gli azzurri da tenere d’occhio saranno i ‘fondisti’ Federico Pellegrino e Dietmar Noeckler e Giulia Stuerz e Gaia Vuerich.
Info: www.fiemmeworldcup.com

Download immagini TV:
www.broadcaster.it

Il video
Le classifiche:
Seniores maschili
Seniores femminili
Juniores maschili
Juniores femminili

Le interviste:

SENIOR FEMMINILI
1) Ulyana Gavrilova: “Sono molto contenta del risultato ottenuto, questo primo posto è una soddisfazione enorme per me. I sacrifici fatti e questi successi mi fanno credere ancora di più in me stessa”.
2) Linn Soemskar: “Ero molto contenta di essere arrivata alla gara conclusiva, ma poi ho avuto un brutto inizio, tuttavia è stata una gara emozionante. Non mi aspettavo nemmeno di arrivare sino qui, ed essere giunta alla finale significa aver fatto il miglior sprint della mia carriera. Ero stanca dopo l’UpHill, questo è un risultato grandioso per la Coppa del Mondo”.
3) Kira Claudi: “Sono molto contenta, non me l’aspettavo. Ero quinta alle qualificazioni, quindi l’aver aumentato di due posizioni è stato un ottimo risultato”.

JUNIOR FEMMINILI
1) Olga Letucheva: “Magnifico, adoro la sensazione di competere gomito a gomito tra le linee con la tua avversaria. Mi sono allenata duramente, quindi non è stata una sorpresa, credo molto in me stessa”.

2) Lisa Bolzan: “Ci ho provato, mi sarebbe piaciuto provare a vincere, ma quest’anno la Letucheva è imbattibile, ne ha più di me, a metà siamo lì ma poi riesce sempre a spuntarla. Ora farò la Team Sprint, ma non so cosa aspettarmi, voglio provare a non pensar nulla sino a ridosso della gara”.

3) Mariya Vladimirova: “Che gran risultato questo terzo posto, sono molto contenta! Ringrazio i miei genitori ed il mio coach. Tutti gli sforzi che ho fatto sono stati premiati”.

SENIOR MASCHILI
1) Emanuele Becchis: “Più di così non potevo fare, è stata un’ottima stagione, ho vinto tutte le gare di Coppa del Mondo. Ero molto ottimista, quest’anno le sfide con Berlanda le avevo vinte tutte, però nella vita mai dire mai. È stata un’emozione gareggiare qui in Val di Fiemme. Ho preferito non fare l’UpHill per essere più riposato oggi, e la scelta ha pagato. Con questa vittoria ritorno primo in Coppa del Mondo davanti a Norum, sarà una sfida sugli ultimi punti con lo svedese, vedremo chi avrà la meglio”.

2) Alessio Berlanda: “Quest’anno Emanuele è sempre stato il più forte, speravo di arrivargli più vicino ma la finale con Sbabo è stata molto tirata e si è fatta sentire, però sono comunque soddisfatto. Finché arrivo sul podio andrò avanti, riesco ancora a competere con chi ha dieci anni in meno di me”.
3) Dmitriy Voronin: “Ero pronto, volevo arrivare in alto, non mi sarei accontentato nemmeno del secondo posto ma finire in una delle prime tre posizioni è stato comunque importante”.

JUNIOR MASCHILI
1) Ilia Bezgin: “Non mi aspettavo di diventare campione, non mi piacciono le gare lunghe, ho deciso di fare questa ed ho vinto. Avevo una buona condizione, la mia velocità era buona, è stato un grande successo”.

2) Sigurd Braathen Reigstad: “Stavo dominando al via, avevo addirittura 3 o 4 metri di vantaggio, poi ho avuto un problema con il bastone e questo ha cambiato il mio ritmo, ciò mi ha pesantemente penalizzato e non ho potuto ottenere il successo sperato”.

3) Simen Nordhagen: “Inizio molto promettente, poi mi sono girato ed ho visto di avere un margine risicato sul mio avversario diretto (Mattia Armellini ndr) ed allora ho dato tutto fino alla fine. Non mi aspettavo di finire terzo, ma quando nelle qualificazioni ho ottenuto il quarto tempo, mi sono reso conto di avere l’opportunità di finire sul podio”.

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.

*