Per contattare la redazione di Italiaskiroll scrivi a: italiaskiroll@rocketmail.com

Sci di fondo: Sundby domina il “Ruka triple” e De Fabiani sfiora il podio

Federazione Italiana Sport Invernali

Dietmar Noeckler - Francesco De Fabiani Dietmar Noeckler - Francesco De Fabiani

Italia in evidenza nella 15 km a tecnica classica che ha chiuso la tre giorni del Ruka Triple di Kuusamo. Dietro all’imprendibile Martin Johnsrud Sundby che ha fatto gara a sè per l’intero tracciato si sono sono piazzati Petter Northug e Finn Krogh, ma i due norvegesi sono stati costretti a tirare fuori il meglio di sè per l’incombente minaccia portata da Francesco De Fabiani, il quale ha fatto gara di testa e provato ad insidiare il podio ai due nordici fino all’ultimo centimetro, cedendo di un nulla al cospetto dell’arrembante Krogh che solamente all’ultimo sospiro ha privato del podio il valdostano dell’Esercito grazie ad una drammatica sforbiciata. Ciò non toglie nulla alla superba prestazione di De Fabiani, ormai a livello dei più forti nel passo alternato, le sue accelerate e il ritmo tenuto senza faticare più del dovuto hanno dato ai tecnici azzurri le risposte che aspettavano.

Così come è andato fortissimo Federico Pellegrino, che prosegue con risultati confortanti il progetto di diventare anno dopo anno un fondista anche da distanze e non più solamente uno specialista delle sprint. Federico ha tagliato il traguardo con un lusinghiero ventiduesimo posto, così come Dietmar Noeckler ha recuperato un discreto numero di posizioni, classificandosi a punti in ventottesima piazza. Più attardati Roland Clara e Maicol rastelli, partiti con distacchi pesanti.  La prossima tappa di coppa è prevista sabato 5 e domenica 6 dicembre a Lillehammer con una skiathlon e una staffetta.

Il confortante bilancio della squadra maschile nella terza e ultima tappa del Ruka Triple su una distanza che un tempo ci avrebbe penalizzato e che adesso invece esalta le qualità dei ragazzi guidati da Giuseppe Chenetti sta tutto nelle parole di Federico Pellegrino. “Si trattava della trasferta più ostica dell’intero l’inverno ma ci siamo ugualmente messi in mostra – spiega il poliziotto di Nus (Ao) -. Dopo i nordici ci siamo noi, sono molto fiducioso perchè siamo stati competitivi in tutti e tre i giorni. Siamo un bel gruppo, le prestazioni del fine settimana dimostrano che il gruppo ha lavorato bene, l’inverno sarà lungo e divertente. Io sono soddisfatto per la mia prestazione ma volevo fare anche meglio, ho calato il ritmo dopo due giri altrimenti sarei cotto. Sul percorso ho trovato un gruppetto in cui riuscivo a satre a ruota, vedevo da lontano De Fabiani e mi veniva voglia di raggiungerlo ma l’avrei pagato, così ho aspettato la salita finale per recuperare un paio di posizioni, ho preso l’ultimo tratto come una sprint”.

Francesco De Fabiani: “Stavo bene in salita e sono rimasto a contatto senza faticare troppo, forse ho sofferto un pochino in fase di spinta. Ad un certo punto ci siamo staccati in tre, aspettavo l’ultima salita perchè sapevo che ci giocava tutto lì, putroppo ho perso un passo nel momento topico, forse dovevo uscire dal binario. Nel rettilineo finale sentivo che Krogh stava arrivando, ho provato a resistere ma non è bastato. Lascio Kuusamo con la consapevolezza di essere migliorato sotto molti punti di vista: nella sprint mi sono qualificato per la prima volta nei trenta, nella skating ho colto il miglior piazzamento di sempre, nel classico mi sono giocato il podio. Forse potevo fare un centesimo in meno al traguardo ma sarà per la prossima volta. E’ stato importante fare punti pesanti perchè in questo tour vengono raddoppiati”.

Ordine d’arrivo Ruka Triple maschile Kuusamo (fra parentesi la posizione di giornata):
1 SUNDBY Martin Johnsrud      1984      NOR       37:10.0             37:10.0     (2)
2 NORTHUG Petter Jr.      1986      NOR       37:54.7      +44.7      37:30.5     (8)
3 KROGH Finn Haagen      1990      NOR       37:56.5      +46.5      37:42.7     (13)
 4 DE FABIANI Francesco      1993      ITA       37:56.6      +46.6      37:14.4     (5)     
5 DYRHAUG Niklas      1987      NOR       37:58.5      +48.5      37:08.1     (1)
6 TOENSETH Didrik      1991      NOR       38:00.6      +50.6      37:15.1     (6)
7 HARVEY Alex      1988      CAN       38:05.5      +55.5      37:40.4     (12)
8 LEGKOV Alexander      1983      RUS       38:06.0      +56.0      37:30.0     (7)
9 HOLUND Hans Christer      1989      NOR       38:06.2      +56.2      37:12.1     (4)
10 ROETHE Sjur      1988      NOR       38:07.3      +57.3      37:10.5     (3)
11 VYLEGZHANIN Maxim      1982      RUS       38:25.0      +1:15.0      37:32.5     (9)
12 TURYSHEV Sergey      1985      RUS       38:28.1      +1:18.1      37:43.3     (14)
13 COLOGNA Dario      1986      SUI       38:28.8      +1:18.8      38:03.9     (26)
14 MANIFICAT Maurice      1986      FRA       38:30.4      +1:20.4      37:45.6     (15)
15 JOHANSSON Martin      1984      SWE       38:31.2      +1:21.2      37:59.5     (24)
16 MUSGRAVE Andrew      1990      GBR       38:34.1      +1:24.1      37:35.5     (11)
17 GLOEERSEN Anders      1986      NOR       38:35.9      +1:25.9      38:16.5     (32)
18 RICHARDSSON Daniel      1982      SWE       38:37.6      +1:27.6      37:34.2     (10)
19 POLTORANIN Alexey      1987      KAZ       38:46.0      +1:36.0      37:56.1     (21)
20 JOENSSON Emil      1985      SWE       38:46.8      +1:36.8      37:55.8     (20)
21 USTIUGOV Sergey      1992      RUS       38:55.9      +1:45.9      38:06.7     (28)
 22 PELLEGRINO Federico      1990      ITA       38:55.9      +1:45.9      37:52.6     (16)     
23 KERSHAW Devon      1982      CAN       38:58.5      +1:48.5      37:53.0     (17)
24 DOBLER Jonas      1991      GER       39:04.9      +1:54.9      38:00.8     (25)
25 VOLZHENTSEV Stanislav      1985      RUS       39:12.6      +2:02.6      38:07.6     (29)
26 ANDERSSON Simon      1991      SWE       39:21.2      +2:11.2      37:58.9     (23)
27 NISKANEN Iivo      1992      FIN       39:22.0      +2:12.0      37:54.3     (18)
 28 NOECKLER Dietmar      1988      ITA       39:22.7      +2:12.7      37:56.5     (22)     
29 BESSMERTNYKH Alexander      1986      RUS       39:26.5      +2:16.5      38:15.7     (31)
30 BRANDSDAL Eirik      1986      NOR       39:30.3      +2:20.3      38:35.7     (37)
45 CLARA Roland      1982      ITA       40:58.7      +3:48.7      39:19.6     (45)      
59 RASTELLI Maicol      1991      ITA       41:59.1      +4:49.1      39:15.0     (41)    

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.

*